Il mito dell' inaffondabilità

Non si vive di solo qq: qui si parla di tutto quello che ci salta in mente... purché sia off topic!
Avatar utente
Lorenzo74
Referente Regionale
Referente Regionale
Messaggi: 505
Iscritto il: lunedì 15 dicembre 2008, 16:52
Status: al volante
Versione Qashqai: Acenta
Motore: 1.6 16v
Auto precedente: Fiat Punto
Colorazione: Fired Iron
Optional: ESP
Località: Venezia

Il mito dell' inaffondabilità

Messaggioda Lorenzo74 » domenica 15 gennaio 2012, 18:45

Tutti oggi parlano della Costa Concordia. E' successo qualcosa di inaspettato. Impossibile pensare che una nave moderna vada a sbattere contro un scoglio.
C'è solo un po' di nebbia che annuncia il sole, andiamo avanti tranquillamente. Diceva il Comandante del Titanic poco prima di sbattere contro un iceberg. La storia sembra la stessa, il mito dell'inaffondabilità ritorna di nuovo!
...e questa ci sta giusta!!
http://www.youtube.com/watch?v=K-_CtFfLR0k
Avatar utente
puddu
qqLegend
qqLegend
Messaggi: 3411
Iscritto il: domenica 29 marzo 2009, 14:11
Status: al volante
Versione Qashqai: Tekna
Motore: 2.0 dCi All Mode + c.a.
Auto precedente: Vw Polo
Colorazione: Nero
Optional: Nissan Connect
Città: Vigevano
Località: Prov. PV

Re: Il mito dell' inaffondabilità

Messaggioda puddu » domenica 15 gennaio 2012, 19:18

Più che il mito dell'inaffondabilità, direi la stoltezza delle persone....
Come puoi pensare di far navigare una nave di quella stazza così vicino alla costa?
Non sono i mezzi ad essere inefficienti, ma chi li governa
Avatar utente
Lorenzo74
Referente Regionale
Referente Regionale
Messaggi: 505
Iscritto il: lunedì 15 dicembre 2008, 16:52
Status: al volante
Versione Qashqai: Acenta
Motore: 1.6 16v
Auto precedente: Fiat Punto
Colorazione: Fired Iron
Optional: ESP
Località: Venezia

Re: Il mito dell' inaffondabilità

Messaggioda Lorenzo74 » domenica 15 gennaio 2012, 19:31

Sicuramente un errore umano! e mi viene da pensare..... come la dirigenza salva sempre la dirigenza. Mi spiego meglio. In seguito all'incidente un comunicato Costa Crociere difendeva l'operato del comandante affermando che rotta e le procedure erano state eseguite come al solito alla perfezione. Peccato che la nave aveva una falla di 70 metri con uno scoglio in stiva. Insomma non viene mai messo in discussione un proprio uomo! è una cosa che capita anche nel mio lavoro ma l'errore purtroppo c'è; si può fare la stessa strada con la stessa curva alla stessa velocità un sacco di volte ma se una mattina la strada è gelata e n[i]on si guida il QQ [/i]la traiettoria sarà diversa.
Avatar utente
Ms821
qqLegend
qqLegend
Messaggi: 3717
Iscritto il: giovedì 23 aprile 2009, 18:35
Status: al volante
Versione Qashqai: N-Tec
Motore: 1.6 16v
Auto precedente: Peugeot 207
Colorazione: Night Shade
Città: LECCO
Località: LECCO

Re: Il mito dell' inaffondabilità

Messaggioda Ms821 » domenica 15 gennaio 2012, 19:51

Sono d'accordo con te, Lorenzo; ma del resto che si dovrebbe fare ?

Già secondo me averlo rinchiuso in carcere (perchè sussiste il pericolo di fuga) mi pare eccessivo.
I dati di navigazione sono al vaglio, sicuramente ha delle responsabilità (probabilmente tutte), ma il carcere al momento mi pare eccessivo; magari ad inchiesta ultimata. :-k :-k :-k
Avatar utente
Lorenzo74
Referente Regionale
Referente Regionale
Messaggi: 505
Iscritto il: lunedì 15 dicembre 2008, 16:52
Status: al volante
Versione Qashqai: Acenta
Motore: 1.6 16v
Auto precedente: Fiat Punto
Colorazione: Fired Iron
Optional: ESP
Località: Venezia

Re: Il mito dell' inaffondabilità

Messaggioda Lorenzo74 » domenica 15 gennaio 2012, 19:59

MS821 ha scritto:Sono d'accordo con te, Lorenzo; ma del resto che si dovrebbe fare ?

Già secondo me averlo rinchiuso in carcere (perchè sussiste il pericolo di fuga) mi pare eccessivo.
I dati di navigazione sono al vaglio, sicuramente ha delle responsabilità (probabilmente tutte), ma il carcere al momento mi pare eccessivo; magari ad inchiesta ultimata. :-k :-k :-k

...sicuramente!! mi viene in mente che in manovra un camion mi ha rotto il cofano della Punto. Dramma sono sceso ho visto il danno e ho acceso una sigaretta che dopo 3 secondi era già finita!!!! penso che vedere la "propria" nave su un fianco sia già sufficiente.........
Avatar utente
GIAN0612
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 7590
Iscritto il: venerdì 26 marzo 2010, 11:34
Status: al volante
Versione Qashqai: N-Connect
Motore: 1.5 dCi
Auto precedente: Mini Cooper
Colorazione: Bianco
Città: Novi Ligure
Località: Novi Ligure

Re: Il mito dell' inaffondabilità

Messaggioda GIAN0612 » domenica 15 gennaio 2012, 21:21

MS821 ha scritto:Sono d'accordo con te, Lorenzo; ma del resto che si dovrebbe fare ?

Già secondo me averlo rinchiuso in carcere (perchè sussiste il pericolo di fuga) mi pare eccessivo.
I dati di navigazione sono al vaglio, sicuramente ha delle responsabilità (probabilmente tutte), ma il carcere al momento mi pare eccessivo; magari ad inchiesta ultimata. :-k :-k :-k


Mi dispiace ma non concordo con la sua leggerezza non ha solo provocato danni materiali ma ci sono dei morti e il carcere ci sta tutto ,e in carcere dovrebbero anche mettere i responsabili della dirigenza Costa che ammettevano che si infrangessero delle normali regole di sicurezza nautica solo per passaggi rasenti all'isola per incrementare il diletto del turista e farsi pubblicità gratuita .E se è vero che quando c'era ancora gente a bordo lui aveva già portato il suo c..o in salvo a maggior ragione deve stare dentro ......
Immagine
Avatar utente
matteo.box
qqLegend
qqLegend
Messaggi: 1428
Iscritto il: domenica 3 febbraio 2008, 14:40
Status: al volante
Versione Qashqai: Eco-Acenta
Motore: 2.0 16v CVT
Auto precedente: BMW
Colorazione: Silver
Città: Scorzè (VE)

Re: Il mito dell' inaffondabilità

Messaggioda matteo.box » lunedì 16 gennaio 2012, 7:30

sbagliare manovra con le strumentazioni sulle navi oggi penso che sia impossibile a meno che........ nella cabina di pilotaggio ci fosse una festa privata in maschera :wolverine:




























però secondo me però i costumi li hanno tolti quasi subito :beer: :drinking: :boobs: :boobs: :boobs: :boobs: :boobs: :boobs:
mattmatt_it
qqVeteran
qqVeteran
Messaggi: 440
Iscritto il: venerdì 30 luglio 2010, 11:58
Status: al volante
Versione Qashqai: Acenta
Motore: QQ +2 - 1.6 dCi ALL Mode
Auto precedente: Citroen
Colorazione: Kad New Grey
Optional: ESP
Città: SO
Località: (SO)

Re: Il mito dell' inaffondabilità

Messaggioda mattmatt_it » lunedì 16 gennaio 2012, 10:10

Ragazzi non scherziamo.. prima di pensare ai danni economici ricordiamoci che alcune persone sono morte per la leggerezza di un uomo che aveva il dovere di tutelarle!
Lo stesso uomo che, a comando di una nave, non è decisamente stato l'ultimo ad abbandonarla una volta resosi conto della situazione di pericolo. Se non merita il carcere un soggetto del genere allora mi chiedo sinceramente chi lo possa meritare.....................

:shock:
fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza
Avatar utente
puddu
qqLegend
qqLegend
Messaggi: 3411
Iscritto il: domenica 29 marzo 2009, 14:11
Status: al volante
Versione Qashqai: Tekna
Motore: 2.0 dCi All Mode + c.a.
Auto precedente: Vw Polo
Colorazione: Nero
Optional: Nissan Connect
Città: Vigevano
Località: Prov. PV

Re: Il mito dell' inaffondabilità

Messaggioda puddu » lunedì 16 gennaio 2012, 10:32

Come diceva il buon zio puddu, errore umano fu. La nave aveva cambiato rotta avvicinandosi pericolosamente alla costa, e questo è il risultato.
Il carcere è eccessivo? Stiamo parlando di omicidio colposo.....
Avatar utente
Lorenzo74
Referente Regionale
Referente Regionale
Messaggi: 505
Iscritto il: lunedì 15 dicembre 2008, 16:52
Status: al volante
Versione Qashqai: Acenta
Motore: 1.6 16v
Auto precedente: Fiat Punto
Colorazione: Fired Iron
Optional: ESP
Località: Venezia

Re: Il mito dell' inaffondabilità

Messaggioda Lorenzo74 » lunedì 16 gennaio 2012, 15:34

Io ritorno sulla frase "c'è solo un po' di nebbia che annuncia il sole, andiamo avanti tranquillamente". Vedo tante nevi da crociera passare in Laguna, sono enormi, fanno manovre impossibili e sembrano inaffondabili..... ma è l'uomo che le crea, che le costruisce, che le guida ed è sempre l'uomo che sbagliando, le affonda!

Il bilancio si fa più pesante.....
e la Costa Crociere scarica il suo comandante: "Errore umano. Nessuno aveva autorizzato la manovra".
Avatar utente
Powermax
qqLegend
qqLegend
Messaggi: 1423
Iscritto il: mercoledì 20 giugno 2007, 16:35
Status: al volante
Versione Qashqai: Acenta
Motore: 1.6 dCi 130cv 4WD
Auto precedente: Renault Megane
Colorazione: Silver
Optional: Comfort Pack
Città: Varese
Località: Varese
Contatta:

Re: Il mito dell' inaffondabilità

Messaggioda Powermax » lunedì 16 gennaio 2012, 16:00

Unica grande colpa è stata quella di abbandonare la nave con ancora a bordo i civili.
Il capitano è preparato all'evaquazione e il capitano DEVE essere l'ultimo a lasciare la nave..non il PRIMO eccheccazz..L'errore umano ci sta..in qualsiasi campo, ma dopo l'errore cerca al meno di rimediare.

Per il discorso del pasaggio vicino alle rocce..bhe credo che la cosa sia risaputa anche da Costa Crocere che però ovviamente in caso di danno..se ne lava le mani non essendoci un permesso scritto nero su bianco.
EX_Qashqai 2.0 16v-All_mode-acenta-silver-comfort pack-interni neri
JEEP RENEGADE 2.0 Multijet2 4x4 Limited Carbon Black
Ti ricorderemo sempre così
http://www.facebook.com/puma.chelinse/photos
Avatar utente
Lorenzo74
Referente Regionale
Referente Regionale
Messaggi: 505
Iscritto il: lunedì 15 dicembre 2008, 16:52
Status: al volante
Versione Qashqai: Acenta
Motore: 1.6 16v
Auto precedente: Fiat Punto
Colorazione: Fired Iron
Optional: ESP
Località: Venezia

Re: Il mito dell' inaffondabilità

Messaggioda Lorenzo74 » lunedì 16 gennaio 2012, 17:50

Questa è una versione al vaglio degli inquirenti:
L'ipotesi della bravata. Fra le persone interrogate c'è anche l'ammiraglio Mario Palombo. Secondo alcune ricostruzioni il comandante della Costa Concordia si sarebbe avvicinato eccessivamente alla costa, provocando così il naufragio, per salutare con luci accese e con il suono della sirena proprio Palombo. L'uomo abitualmente vive all'Isola del Giglio, ma quella sera si sarebbe trovato a Grosseto.

Secondo quanto hanno raccontato alcuni testimoni, il comandante avrebbe fatto avvicinare la nave alle coste dell'isola per una specie di 'gioco' o bravata nei confronti di un maitre di bordo, il gigliese Antonello Tievoli. Schettino avrebbe chiamato sul ponte di comando Tievoli dicendogli: "Antonello vieni a vedere, c'è la tua isola, stiamo sopra al tuo Giglio".
Avatar utente
Luke66
qqLegend
qqLegend
Messaggi: 573
Iscritto il: venerdì 4 aprile 2008, 17:00
Status: Ex
Versione Qashqai: Tekna
Motore: 1.6 16v
Auto precedente: Lancia Prisma
Colorazione: Silver
Città: Vanzago
Località: Vanzago (Mi)

Re: Il mito dell' inaffondabilità

Messaggioda Luke66 » lunedì 16 gennaio 2012, 18:08

Io non posso credere che una nave cosi' non abbia tutta la strumentazione sonar e radar per
rilevare uno scoglio sulla rotta....

Secondo me il comandante se ne e' fregato degli allarmi pensando di essere un gran FIGO e di riuscire a passarci lo stesso!

Il risultato sono 6 morti e 10 dispersi!

Per me il carcere ci sta tutto!!!!

Ogni volta che saliamo su un mezzo, sia esso un taxi, un pullman, un treno, un' aereo o una nave ci mettiamo nelle mani di chi lo governa e piu' e' grande il mezzo piu' e' grande la responsabilita' dell'autista / pilota / comandante o chi esso sia.

Luke
Luke 66
Ex QQ Tekna 1.6 Silver
Al volante di RR Evoque
Avatar utente
sguaraunda
qqLegend
qqLegend
Messaggi: 914
Iscritto il: venerdì 27 giugno 2008, 23:16
Status: al volante
Versione Qashqai: Acenta
Motore: 2.0 16v
Auto precedente: Vw Golf
Colorazione: Cafè Latte
Optional: Comfort Pack
Città: Caronno Varesino
Località: Caronno Varesino

Re: Il mito dell' inaffondabilità

Messaggioda sguaraunda » lunedì 16 gennaio 2012, 21:10

gian0612 ha scritto:
MS821 ha scritto:Sono d'accordo con te, Lorenzo; ma del resto che si dovrebbe fare ?

Già secondo me averlo rinchiuso in carcere (perchè sussiste il pericolo di fuga) mi pare eccessivo.
I dati di navigazione sono al vaglio, sicuramente ha delle responsabilità (probabilmente tutte), ma il carcere al momento mi pare eccessivo; magari ad inchiesta ultimata. :-k :-k :-k


Mi dispiace ma non concordo con la sua leggerezza non ha solo provocato danni materiali ma ci sono dei morti e il carcere ci sta tutto ,e in carcere dovrebbero anche mettere i responsabili della dirigenza Costa che ammettevano che si infrangessero delle normali regole di sicurezza nautica solo per passaggi rasenti all'isola per incrementare il diletto del turista e farsi pubblicità gratuita .E se è vero che quando c'era ancora gente a bordo lui aveva già portato il suo c..o in salvo a maggior ragione deve stare dentro ......


Esattissimo, caro Gian, ed includerei anche punizioni corporali, visto che chi è responsabile della pelle di 5500 anime non può neanche lontanamente pensare di sgarrare dalla rotta. Hai voluto fare il figo ed è finita in me...male? Paga! Inchiesta? Per uno che scappa e invitato dalla Guardia Costiera a risalire a bordo si eclissa? Come diceva Totò:"...ma mi facci il piacere!"
Avatar utente
max69
Referente Regionale
Referente Regionale
Messaggi: 1962
Iscritto il: giovedì 20 maggio 2010, 9:46
Status: al volante
Versione Qashqai: Acenta
Motore: 1.5 dCi
Auto precedente: Nissan Primera
Colorazione: Bianco
Optional: Xeno
Città: Lucca
Contatta:

Re: Il mito dell' inaffondabilità

Messaggioda max69 » lunedì 16 gennaio 2012, 23:03

Leggermente fuori rotta e' dir poco anche se pare fosse "normale" un passaggio sottocosta . .
La galera e' il minimo...
http://www.marinetraffic.com/ais/it/def ... 21:00%20PM
17/10/2010- 1° QQDAY
19/06/2011- 2° QQDAY
16/10/2011 - 2° NISSANDAY

Torna a “Off Topic”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti