Pagina 2 di 2

Re: la maledizione del filtro antiparticolato

Inviato: giovedì 21 marzo 2019, 17:53
da stefgio59
Certamente che qualcuno ha' delle colpe, ma non si possono certo scaricare sui clienti!; c e' scritto da qualche parte sul libretto di uso e manutenzione dell 'auto , che bisogna completare le rigenerazioni? c e' qualche spia che ci indica quando l auto sta' rigenerando? , e quando la termina? Esiste solo la spia di filtro intasato , quando in tanti casi e' gia' troppo tardi per intervenire se non con fior di quattrini, a tutto vantaggio dei concessionari vedi cambi olio e filtri addirittura dopo solo tre/quattromila km.
Quindi se si devono trovare delle colpe, bisogna guardare altrove, in particolar modo ai nostri burrocrati europei che hanno dato il via libera a questo famigerato fitro, (che oltretutto le polveri fine non riesce a bloccarle, che son le peggiori),senza provare qualcosa di alternativo, o adirittura scartandoli a priori(vedi dukic)

Re: la maledizione del filtro antiparticolato

Inviato: giovedì 21 marzo 2019, 23:15
da Leon83
Tubo tucker, dukic.. Tutti sistemi di molta dubbia qualità.
Il filtro dpf è un sistema che aiuta nella gestione del pm10, riducendolo poi in pm2.5..e sai quale è il metodo migliore per evitare che questa polvere finisca nei nostri polmoni,lasciando perdere i comportamenti di dubbia morale di svuotamento o eliminazione filtro? Sarebbe quello di lavare con cura me strade, in modo che questa polvere venga trascinata nei tombini e quindi ai deputatori (sistema che all estero come Parigi funziona bene).
Capitolo venditori, ripeto che non è compito loro informare. Se si utilizza uno strumento in maniera sbagliata, non si può addossarne il difetto al venditore, altrimenti si finisce in situazioni comiche da "vietato mettete il gatto nel microonde.
Inoltre vuoi mettere una spia per indicare il funzionamento del dpf? Bene per chi è appassionato e ne conosce il significato, ma per il restante 99% del mondo una spia è indice di problema.. Quindi immagina che situazioni tragicomiche ai service si verrebbero a creare

Re: la maledizione del filtro antiparticolato

Inviato: lunedì 25 marzo 2019, 20:55
da Ventula
Bé, la spia ci potrebbe stare e dovrebbe essere accompagnata da chiare istruzioni d'uso sia scritte sui libretti di istruzione e sia divulgate dal venditore di turno quando si va a prenotare/ritirare l'auto. Soltanto con una vera informazione divulgata correttamente, la gente comune sceglie e sopratutto usa consapevolmente il mezzo cosí faticosamente sudato. Personalmente ho avuto anch‘io i miei bei problemucci con il filtro DPF ma non perchê ho sbagliato acquisto. Certo, all'epoca in cui l'ho preso io non c'era la scelta che c'é oggi e il QQ mi piaceva tanto. Di prenderlo a benzina non ci pensavo perché mi sarei dovuto accontentare del 1.6 aspirato che sulle salite montane e carico avrebbe sofferto, il duemila non era nelle mie possibilità e allora che si fa?
Ho preso il 1.5 dci e per cinque anni e mezzo mai un problema solo perché pur facendo tanti brevi tragitti in città durante la settimana, alla Domenica la fiondavo in autostrada e su per le montagne Valdostane.
Poi per esigenze familiari la vita ê cambiata ed il filtro DPF non ha gradito il trattamento, ergo...in poco piú di un anno ho già speso piú di mille euro per farlo pulire.
Ora sono in attesa che mi consegnino un nuovo QQ a benzina ma ci sono voluti quasi sette anni perché venisse fuori dalla bocca di un capo officina Nissan, su cosa fare attenzione quando si ê in procinto di spegnere il motore. Praticamente, guardare sempre il contagiri, se segna circa 750/800 g/min. si puó spegnere tranquillamente, se ne segna circa 200 in piú, bisogna tassativamente attendere che finisca di rigenerare possibilmente accelerando per favorire l'eliminazione del particolato. Averlo saputo prima avrei risparmiato un po di soldi.

Re: la maledizione del filtro antiparticolato

Inviato: mercoledì 24 aprile 2019, 21:43
da cimas
Quanto dura una rigenerazione?
A me durerà 7..8 minuti. Ho 13k km.
A voi?

Re: la maledizione del filtro antiparticolato

Inviato: giovedì 25 aprile 2019, 15:07
da Bud
Sì la durata è quella, anche se può variare in base all'uso che ne stai facendo: se sei a 130 in autostrada, ad esempio, dura meno.

Re: la maledizione del filtro antiparticolato

Inviato: giovedì 25 luglio 2019, 14:55
da \_DAVIDE_/
Leon83 ha scritto:Onestamente mi sembra un articolo scritto coi piedi


Concordo, questo è materiale da "Facebook" e non da forum e da gente che si informa sul reale funzionamento delle cose; faccio inoltre notare che parla di euro4 (15 anni fa!) ed espone argomenti tecnicamente assurdi (la rottura della turbina non viene causata dal 7% di gasolio nell'olio, ma da ben altro come spesso dico sul forum).

Leon83 ha scritto:da una persona che ha ricevuto informazioni solo ed unicamente da dei centri DeFAP\DPF.


Non a caso il nostro LucaD.P. è un forte sostenitore di queste operazioni (illegali)

Leon83 ha scritto:Poi possiamo dire tutto quello che vogliamo sui venditori che non avvisavamo dei problemi dati dall'uso inappropriato di un diesel, ma di quello non è certo il venditore a doverti informare (anche perchè la media dei venditori ha la stessa enfasi nella vendita di un auto come in quella di una scatoletta di tonno).

Vero, però io sono dell'idea che dovrebbero essere loro a capire quale auto fa per te, se tu non ne sei in grado. Noto invece con rammarico che il 99% degli stessi non sa nemmeno cosa sta vendendo

Re: la maledizione del filtro antiparticolato

Inviato: lunedì 16 dicembre 2019, 15:04
da Goran71
Ma quindi... Come è quando bisogna fare la rigenerazione? Quando si accende la spia è tardi? Ogni quanti km bisogna farla?

Re: la maledizione del filtro antiparticolato

Inviato: lunedì 16 dicembre 2019, 17:37
da criobit
Tu non puoi fare niente. Fa tutto l"elettronica. Non si accende nessuna spia se non dopo "n" rigenerazione fallite ti avverte che c'è un problema al sistema antinquinamento. Adesso con l'adblue i problemi sono diminuiti. Punto 2. Sui motori dci la valvola egr è a valle del fap, quindi se defappate fate un casino con la fuliggine che entra nello scambiatore di calore della valvola egr. Punto 3.non sgasate prima di spegnere. Fate ancora più fuliggine che viene comunque intrappolata dal fap che per sua natura intrappola tutto il particolato e non se ne libera mai e infatti deve essere bruciato dal ciclo di pulizia. Inoltre fate girare la turbina a livelli esagerati e poi gli togliete la lubrificazione spegnendo il motore. Daje oggi Daje domani si forma un velo di residui carboniosi sull'albero turbina e col tempo la grippate o diventa rumorosa.

Re: la maledizione del filtro antiparticolato

Inviato: domenica 16 agosto 2020, 21:32
da giumerca
Scusate ma con l'adblue ci sono ugualmente le rigenerazioni?

Re: la maledizione del filtro antiparticolato

Inviato: domenica 16 agosto 2020, 23:10
da criobit
Adblue abbatte solo gli ossidi di azoto NOx all:interno del filtro SCR. La reazione chimica che produce azoto e acqua avviene sempre non appena la temperatura del filtro scr è oltre 80 gradi per poi essere efficiente all'80 percento dai 160 ai 260 gradi. Ma il filtro SCR non si intasa mai perche non ha nulla a che vedere con il particolato.
Quindi la risposta è si, la rigenerazione del filtro dpf che si occupa del solo particolato trasformandolo da pm10 a pm2 avviene anche sui veicoli con adblue.

Re: la maledizione del filtro antiparticolato

Inviato: lunedì 17 agosto 2020, 18:50
da giumerca
Criobit ti ringrazio della risposta!