Qashqai 2014

QQMania a Londra all'evento Qashqai Next Generation

Qashqai Mania è stata scelta a rappresentare i clienti italiani all’evento esclusivo di Londra per la presentazione della nuova generazione del crossover. Nella capitale britannica, in una location tenuta super-segreta fino all’ultimo momento, abbiamo così avuto la possibilità di presenziare insieme ad un pubblico di VIP e media internazionali ad un lancio che Nissan ha voluto davvero in grande stile.

Ad introdurre lo show è stato il Presidente e CEO di Nissan, Carlos Ghosn, che ha spiegato come il Qashqai è al centro delle strategie di sviluppo Nissan.

Tuttora leader incontrastato del segmento crossover nonostante una concorrenza agguerrita“ dice Ghosn “Qashqai con la seconda generazione stabilisce nuovi punti di riferimento per tecnologia intelligente, efficienza e sicurezza.
Oltre alle numerose innovazioni tecnologiche il presidente ha sottolineato come il Qashqai, pur mantenendo il suo forte DNA ed impatto visivo dal punto di vista del design, è un modello completamente ridisegnato dalla a alla z, diventando più sfilato, più lungo, più basso, più largo, più spazioso.

Dopo questa (per fortuna) sintetica ma incisiva introduzione si è passati al “primo assaggio”:
Su un enorme schermo di almeno 15 metri sono passate delle immagini avveniristiche in 3D in un atmosfera di suoni musica ed effetti che davano l’idea di essere ad un concerto di deadmou5, piuttosto che alla presentazione di un’auto. Gli effetti sono culminati in due fari abbaglianti che hanno accecato il pubblico. Era il New Qashqai, magicamente entrato in scena come dal nulla.

Indubbiamente, dalla sala, l’impatto visivo è stato forte e in molti sono rimasti a bocca aperta. Quelli che da casa hanno seguito l’evento in diretta streaming possono avere un’idea di cosa intendo dire.

Poi siamo tutti passati in un’altra sala con la possibilità di mettere finalmente le mani sul QQ di seconda generazione.

Nei prossimi giorni vi ragguaglieremo più approfonditamente su ogni singolo dettaglio e su quello che ci hanno detto gli ingegneri e i tecnici Nissan.

Seguiteci.