Versioni

Il Mistero del Cassetto Scomparso

cassetto lato passeggero

No, non è il titolo di un giallo alla Agatha Christie. Nella brochure della macchina, sotto la voce Passione per le dotazioni intelligenti, fa bella mostra di sè la foto (clicca sull’immagine) di un cassetto nascosto sotto il sedile del passeggero che consente di custodire, al riparo da occhi indiscreti, fotocamere, palmari, iPod ecc.
Bene, direte voi: i vani portaoggetto fanno sempre comodo e il cassetto sfrutta uno spazio di solito inutilizzato.
Ma allora, dov‘è il giallo?
Ecco dove nasce il mistero: in una “prima” edizione il depliant tecnico elenca chiaramente il cassettino segreto tra le dotazioni dell’Acenta, in più rispetto alla Visia. Ma in una successiva ristampa, distribuita a marzo, il cassetto “sparisce”. Dissolto nell’aria, non se ne sa più nulla. I concessionari nel dubbio dicono che non è in dotazione. Nessun accenno nel sito ufficiale Nissan.
Qualche cliente allora telefona al numero verde di Nissan Italia. E si sente dare una risposta stupefacente: il cassetto è previsto di serie solo nell’allestimento bi-color dell’Acenta (oltre che nella Tekna). Per quale arcano motivo tecnico il cassetto non si può fornire con i sedili bianco-neri e lo si mette in quelli rosso-neri? Allergia a certi colori? Conseguenza di Calciopoli? Privilegio dei milanisti?
La polemica infuria subito nel web, anche all’estero. Sul forum Qashqai Passion i francesi hanno lo stesso problema. La confusione aumenta, finchè un iscritto, che è vendeur chez Nissan, scrive: “il cassetto, che finora è incompatibile con l’allestimento grafite (non chiedetemi perchè…) a partire dalla produzione di Maggio sarà previsto su tutte le Acenta. La notizia è apparsa sul sito interno Nissan riservato ai venditori.”
Ma in Italia? Nessuna notizia certa fino a pochi giorni fa, quando cominciano ad arrivare le prime conferme: “il cassetto c‘è”, scrive un membro del gruppo Yahoo!
Oggi abbiamo la conferma anche sul Forum Qashqai Mania e la fonte è sicura: l’amico Matteo ha “visto” la sua qq con interni neri in attesa della targa e monta il cassettino.
Insomma è bene quel che finisce bene, come nei migliori thriller d’autore.