AnticipazioniEventi

Nuova Qashqai 2010. Il lifting

red

Babbo natale l’aveva promesso. E le renne Nissan Design Europe di Paddington, Nissan Technical Centre Europe di Bedfordshire e Nissan production di Sunderland ci consegneranno tra l’aprile e il maggio del 2010 il remake del capolavoro nipponico dalla regia di Carlos Ghosn.

superiore
superiore
anteriore
anteriore
aperta
portiere aperte
luci anteriori
luci anteriori

L’opera magna, l’old version, quella che ha divaricato in termini innovativi il mercato globale dell’auto, si conserverà sempre nella nobile memoria della Qashqai, in produzione europea dall’ormai “lontano” dicembre 2006 e lanciata presso il salone di Ginevra nel marzo dell’anno successivo. E come per il primo amore, l’inesperienza, le incomprensioni, l’istintività, l’aggressività, la dolcezza, la sensorialità, l’incertezza, la disillusione, l’incanto, si trasferiranno nell’adolescenza quasi matura del nuovo crossover, con linee e forme più sensuali, delicate, ricercate, raffinate, a tratti mordenti, ma soprattutto ancora totalmente esclusive.

Con stato paternalistico ci chiederemo se il nuovo amore sarà vissuto più serenamente, senza dover ricorrere al consulto dell’officina o della concessionaria, ci chiederemo se il rinnovato fascino dell’esuberante fanciulla si accompagnerà anche con la nuova consapevolezza dello “stare al mondo”, ci domanderemo se i colori, gli odori, i sapori, i suoni e le sensazioni indugeranno ancora in quell’avventatezza, nell’istintività o nell’acerba impulsività giovanile, o se, come ci promette Simon Thomas (vice presidente europeo Vendite e Marketing di Nissan), la “donna di cuori” saprà ancora attrarre nuovi corteggiatori sotto la scocca sinuosa di quest’algida “femme fatale”.

Non è una letterina, la “sciantosa” sgambata della dittatura televisiva. Ma della velina, della vamp e della pin-up possiede tutto, e molto più. Viene infatti abbandonato l’impegno per il sex-symbol, per una linea più glamour, elegante e d’alta moda.
Gli occhi, più lunghi e dolci, ci trasmettono maggiore aggressività, ma divengono più funzionali con le loro “pupille” che garantiranno un’illuminazione ancor più decisa in situazioni di luce critica (anabbagliante, abbagliante, frecce). Il cofano sensuale viene esalto ancor più dalle nervature che si involgono sino al muso prepotente. I fianchi della calandra, furente lusinga sessuale di una donna, colpiscono per un’attrazione del tutto autonoma, mentre più aria è data al paraurti e più aperto e largo è il frontale, estremamente più volitivo, ma “giapponese” nello sguardo. I vecchi listelli in alluminio sono stati sostituiti con stecche longitudinali e la griglia oggi si presenta esteticamente più coinvolgente per effetto della rinnovata trama cd. “a nido d’ape”, consegnandoci una mascherina sicuramente più sportiva.

cerchi
cerchi
luci posteriori
luci posteriori
posteriore
posteriore

Il lato B è ancor più profilato. Una ginnastica modellante e sagomante ha restituito allo spoiler una minore resistenza aerodinamica. I nuovi deflettori intorno alle ruote, il rimodellamento del vano vicino al motore, la presenza di differenti elementi presso il sottoscocca segnano l’ incremento del coefficiente aerodinamico (da 0.34 a 0.33 Cd) e il maggiore afflusso d’aria sotto il veicolo.
Un progresso leggero si misura nelle linee dei gruppi ottici posteriori. Divisi in due, la parte superiore (luce di retromarcia e indicatori di direzione) è bianca-trasparente, mentre la parte inferiore diviene rossa con lo stop a 12 led e con le luci di posizione adiacenti. E come ogni donna seducente e desiderabile, la nuova Qashqai si vestirà di nuovi cerchi in lega a cinque razze da 16” o 17” e con una livrea irresistibile di colore warm red (nella foto in alto) o style grey, che ci offriranno una provocante signorilità prêt-à-porter, ma sempre… d’alta moda.

“Bella fuori”… E dentro?

consolle
consolle

Ecco l’adolescenza, che gradatamente svanisce.
Finalmente viene abbandonata la vecchia consolle di strumenti di bordo, che per quanto innovata, era forse troppo consumata e convenzionale, per la diffusa scorta sui senescenti modelli SUV Nissan. Il tramonto “orange” viene sostituito da un fondo “black night”. Le tacche bianche e gli indicatori rossi, con qualche nuova cromatura sicuramente “di classe”, accompagnano i dati di visualizzazione posti in maniera diversa rispetto al vecchio modello.

totale guida
totale consolle

Non cambiano invece le informazioni dell’ottimo CdB (malgrado troppo ballerina rimanga ancora la stima del carburante residuo), remotabile facilmente dalla famosa “plancia” del volante. Nuovo è l’ulteriore indicatore di benzina collocato sotto il contagiri e forse… ci saranno altre novità!
La mini-gonna di ieri e i jeans attillati che si usuravano frequentemente, oggi lasciano il posto ai nuovi allestimenti, ancor più coinvolgenti, in pelle grigio perla, che si distraggono dal resto noir della plancia e della parte superiore del montante delle portiere. L’ illuminazione ruvida degli interni si perde ora con la delicatezza delle luci più tenui dell’abitacolo. Ancor più ergonomico e funzionale è il tunnel centrale, con un “porta-portatile” (o lettore musicale) collocato in prossimità del bracciolo e con uno spazio guadagnato per chiavi, tessere, monete e biglietti, sotto gli strumenti di aerazione, in continuità ad altri modelli di autoveicoli.

lcd
tunnel lcd

Come nel primo giorno di scuola della liceale, l’adolescente innamorata ci promette migliore attenzione e resa d’efficienza. La marcia “scolastica” sarà meno rumorosa, meno sgraziata o sconnessa. La riduzione delle vibrazioni, la minor scompostezza del cambio, il maggior isolamento della propagazione dei rumori delle turbolenze dei finestrini (nuove guarnizioni) e il minor eco del notorio e prestante motore Renault (grazie al parabrezza “acustico” e ai nuovi materiali insonorizzanti che separano il vano motore dall’abitacolo interno) fugheranno le riserve che fino ad oggi hanno disonorato la prima versione della Qashqai.

posteriore sinistro
posteriore sinistro

E se la ridotta attrazione per le sospensioni, che hanno sempre tormentato gli osservatori attenti alla giovane e così immatura Qashqai, sono state ritarate per una maggior reattività e confort alla guida, la maturazione della teen-ager ci promette un minor fumo e una maggior salubrità del suo corso di vita. Infatti le emissioni di CO2 calano a 129 g/km (riduzione del peso complessivo, pneumatici a ridotta resistenza, copri-ruote più aerodinamiche, fendinebbia più attenuati), grazie a un motore 1.5 dCi “pure drive”, sicuramente degno di un “Eco Qashqai”, ma che deve ancora rafforzarsi in un quadro del tutto lusinghiero per l’impegno ormai cogente verso emissioni sempre meno inquinanti (vedremo se i modelli potranno rientrare nella campagna degli eco-incentivi, poc’anzi prorogata dal Governo, che ricordiamo ammette solo autoveicoli con fumi al di sotto dei 140 e 130 g/km, rispettivamente per motori alimentati a benzina o a gasolio).

sedili posteriori
sedili posteriori
qashqaimania
qashqaimania

La maturità certo non si raggiunge coi diciotto anni, ma non possiamo ancora consacrare al regno delle donne quel crossover che in prossimità degli incipienti standard decorrenti da gennaio 2011 poteva almeno offrirci la nuova classe Euro 5, costante l’attenzione che il partner europeo francese Renault ha sempre destinato alle innovazioni e al mercato (in questi giorni si festeggia il decennale per l’alleanza tra i due gruppi, legati anche da partecipazioni sociali incrociate; la Renault detiene il 44,4% di Nissan e la Nissan il 15% di Renault).

qashqaimania
qashqaimania

ESP di serie su tutti i modelli, mentre sull’Acenta troveremo un limitatore standard di velocità. Sulla Tekna, invece, un sistema diffusore BOSE, come nell’esperienza migliore delle sorelle Rogue e Dualis. Le solite 4 motorizzazioni, per il bi-Qashqai da 5 o 7 posti: Benzina 1.6 e 2.0 (115-140 CV); Diesel dCi 1.5 e 2.0 (106-150 CV); trazione anteriore o integrale “all mode”.
I prezzi pubblicati per il Regno unito ci offrono il modello benzina a partire da 15.395 GBP (17.100€), mentre il *diesel* (“Visia Pure Drive”) da 16.795 (18.680€). A breve (quando verrà pubblicato), è possibile scaricarsi dall’area download il listino prezzi del nuovo restyling 2010.

(la citazione in occhiello è liberamente tratta da La moglie ingenua e il marito malato di Achille Campanile)