AnticipazioniConsumi

Finalmente anche a GPL

Qashqai si converte al GPL. Il crossover più venduto in Italia sarà disponibile in una versione bifuel con alimentazione a benzina e GPL. E per la concorrenza saranno dolori.
Conviene montare l’alimentazione a gas? E la garanzia decade? Qual‘è un buon installatore competente a cui rivolgersi?
Sono alcune delle domande ricorrenti nel nostro forum, che ne fanno uno degli argomenti più caldi.
Ora c‘è una sola risposta: la Casa giapponese monterà direttamente in fabbrica un impianto bifuel nel quattro cilindri a benzina 1.6 16V da 115 cavalli e sarà disponibile a breve.
Costerà 500 € in più della versione normale ma garantirà un notevole taglio dei costi di esercizio per gli utenti.
Infatti il bifuel usufruirà degli incentivi statali per cui nella versione di base, la Visia, avremo un prezzo d’attacco davvero imbattibile. Possiamo dire che Nissan ha tirato fuori dal cilindro un’offerta interessantissima per gli utenti che non intendono farsi dissanguare dalla continua lievitazione del costo dei carburanti.

Resta aperto il dibattito gas sì gas no.
Si dice in generale che l’alimentazione a gas non conviene a chi fa pochissimi chilometri (considerazione ovvia) ma che non conviene neanche a chi ne fa moltissimi.
Questo a causa della manutenzione più laboriosa, come filtro gas e olio valvole.
Viceversa il partito pro-GPL mette sul piatto della bilancia un costo di 53 centesimi contro il prezzo della benzina che ormai veleggia stabilmente sopra 1,30 €.
Fate un po’ voi nei commenti…

Certo è che Qashqai consoliderà la propria leadership, visto la grande crescita di richieste di auto a Gpl in generale e di Crossover in particolare.